Piccola Guida: LONDRA/1

NEWS - Blog - 2 Lug 2017

Mi ero appena abituata a guardare dal lato giusto della strada prima di attraversare lo zebra crossing ed era già arrivato il momento di tornare a casa 😀 Ho passato tre bellissimi giorni a Londra, città che amo, moltissimo, in cui io (come tanti di voi che mi hanno accompagnato attraverso questo viaggio, mi avete fatto compagnia, grazie!) mi sento sempre a casa. E per quanto è vero che “Home is where the heart is”, chi mi conosce bene sa che un pezzettino del mio cuore abita proprio nella capitale inglese.

Ho visitato Londra molte volte nella mia vita, e a pensarci bene ogni viaggio si è legato a una particolare linea della metropolitana. Ricordo la prima volta, esattamente nell’Estate di vent’anni fa: avevo 14 anni e con mia madre e mia sorella alloggiavamo in Russell Square nello storico (e omonimo) Hotel Russell: nel cuore di Bloomsbury, andavamo su e giù dalla Piccadilly Line dalla fermata accanto all’hotel fino a Knightsbridge, Picadilly Circus, Covent Garden, Leicester Square… ricordo la magnificenza di Harrod’s, le sei borse piene di giocattoli uscendo da Hamley’s (passione della mamma), le iconiche cabine telefoniche rosse, la scala di legno di Liberty dove rimasi seduta per ore mentre Adi e mia madre sceglievano decine di tessuti… lo stupore davanti alla Stele di Rosetta la prima volta al British Museum (molti anni dopo lo stupore fu immenso davanti alla speciale mostra dedicata all’Esercito di Terracotta dell’imperatore Qin ospitata dal Museo, per cui avevo fatto la fila dall’alba un piovoso giorno di Marzo del 2008…).

La globalizzazione non era ancora arrivata, e ogni negozio di Londra era speciale e diverso: ora molte cose sono cambiate, non c’è più il negozio di case delle bambole e relativo micro arredamento a Covent Garden ma l’atmosfera di questo mercato coperto, grazie agli incredibili cantanti di strada e nuovi bellissimi negozi, non si è persa (e Pollock’s, a proposito di giocattoli o simili, resiste ancora), la libreria The Travel Book Shop che ha ispirato il film Notting Hill (che io vidi per la prima volta proprio a Londra in una sala di Leicester Square quando uscì nell’estate del 1999) è ancora in Blenheim Crescent, anche se ha cambiato nome e ne è pure spuntata una ridicola e super turistica fotocopia in Portobello Road, e ben più triste accadimento, la ”nostra” fermata di Russell Square è stata teatro di un tragico attentato terroristico nel luglio del 2005.

Ma ciò che Londra non perde mai è la sua fortissima identità, che nasce grazie al magico mix di tradizione britannica con le sue iconiche immagini, il multiculturalismo dei mille diversi abitanti e le aspettative -mai tradite- di chi ogni anno la visita: è una città viva, è avanti e va avanti, e ha dato un grande segnale eleggendo come sindaco Sadiq Khan, di fede musulmana e di orgine pachistana.

I Londinesi sono very organizzati, very polite, sempre in fila, generosamente cordiali tra sorry e bless you (e io l’ho notato perché starnutisco molto), con quella fantastica ironia che caratterizza anche il loro abbigliamento profondamente stiloso: le calze in fantasia che spuntano sotto l’abito elegante di un gentiluomo della City, immancabilmente corredato dai gemelli ai polsi della camicia, la personalità delle ragazze che pare non conoscano l’utilità dei collant sotto i vestiti ma che abbondano nell’utilizzo dei legging abbindandoli alle ballerine e a lunghe camicie, vestendosi a strati, con soprabiti leggeri, o trottando sui tacchi, sempre di corsa con il caffè in mano e la musica nelle orecchie..

Cercando di scoprire luoghi nuovi e tornando nei miei posti del cuore ho pensato di raccontarvi a modo mio questa città, dopo averne condiviso le immagini attraverso Facebook e Instagram (#valtellinigoestolondon). Questi tre giorni per me si sono rivelati un tempo perfetto per andare a trovare la “mia” Londra e voglio raccontarveli attraverso le fermate centrali della linea rossa, la Central line: come dice la parola stessa, attraversa il cuore della ramificata mappa di The Tube, e il mio viaggio si svolge tra Liverpool Street Station e Notting Hill Gate.

Siete proti a partire con me? Allora preparate il vostro impermeabile, il tempo è sempre incerto.. e partiamo!

Ma per il momento… See you very soon, Mercoledì sera, Boys and Girls delle Meraviglie!

Didi

NEWS 14 Apr - Blog

Piccola Guida: COPENHAGEN

NEWS 10 Ott - Blog

Piccola Guida: PARIGI/2

NEWS 30 Set - Negozio

La Piuma di Moncler